LogoIFFC

Italian Film Festival Cardiff

OSPITI | CINEMA & BIGLIETTI | SPONSORS


Cari amici,

Siamo veramente contenti di condividere con voi il successo dell’Italian Film Festival.

I film che abbiamo selezionato ci hanno spinto ad approfondire alcuni aspetti controversi dell’Italia in un gioco di luci ed ombre meravigliosamente espresso in Più buio di mezzanotte.

Un paese che intende crescere sia economicamente che eticamente ha bisogno di affrontare i suoi aspetti più bui ed esporli come ha fatto delicatamente Nicola Campiotti in Sarà un paese.

Viviamo in una zona di confine tra la paura e la speranza che qualcosa cambi come i giovani di Le cose belle.

Le pellicole ci hanno messo di fronte a domande scomode come “da che parte stiamo?” Siamo “dalla parte della sposa” o siamo piuttosto complici della fortezza Europa che permette alle persone di morire cercando di raggiungere le nostre coste?

L’Italia naturalmente è una metafora per parafrasare Leonardo Sciascia. In questo caso la metafora dell’Occidente con le sue ambizioni e tensioni, la sua incredibile varietà di lingue e culture, colori e forme.

ITALIAN FILM FESTIVAL CARDIFF: RIEPILOGO

Per chi si è perso il primo festival del cinema italiano a Cardiff, ecco qui un riepilogo.

Tra il 10 e 17 ottobre l’ICCW ha offerto un programma di prime visioni in Gran Bretagna con tematiche sulla poesia, il gender e la migrazione.

Abbiamo selezionato una varietà di generi cinematografici con una forte enfasi sulle forme narrative delle produzioni indipendenti. Non avremmo potuto sperare in un’accoglienza migliore. Ogni film ha infatti registrato il tutto esaurito. Inoltre  le domande e discussioni coi registi sono state assai coinvolgenti e stimolanti.

Il nostro primo film, Più buio di mezzanotte di Sebastiano Riso, è stato proposto a Cineworld ospite dell’Iris Prize festival e il protagonista Davide Capone si è aggiudicato il premio come miglior attore. Siamo stati felicissimi di comunicare la notizia a Davide in un videomessaggio con Riso che era a Cardiff per presentare il suo film.  Trovate qui l’intervista con Riso.

Le proiezioni de L’arbitro e di Io sto con la sposa, nella cornice del magnifico molo vittoriano del Penarth Pier Pavillion, sono state precedute da un aperitivo fornito dal Ristorante Casanova e da Vinitalia,  nostri sponsor principali.  Ai film sono seguite le interviste ai registi Paolo Zucca e Gabriele Del Grande. L’interazione del pubblico con i registi è stata partecipata ed intensa. Qui intervista con Zucca.

Il festival è continuato il giorno seguente al prestigioso Chapter Arts Cinema con Sarà un paese di Nicola Campiotti che spiega ad un bambino l’Italia contemporanea con i suoi problemi e le sue speranze per il futuro.

Il film è stato preceduto da un laboratorio linguistico che si focalizzava sui temi principali della pellicola. A giudicare dai questionari compilati dai bambini il laboratorio è stato un grande successo.

La sera abbiamo proposto Il giovane favoloso di Mario Martone che tratta della ribellione e della bellezza nella figura e la poesia di Leopardi.  Ha fatto seguito Le cose belle, documentario di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno che guarda la disillusione giovanile attraverso la lente della bella e terribile Napoli. La produttrice Antonella Di Nocera e  il regista Piperno ci hanno aiutato a leggere storia, retroscena e temi affrontati dal film.

ANNUNCIO ALLA STAMPA SETTEMBRE 2015

Il primo festival di cinema italiano a Cardiff porta in Galles un’immagine dinamica e varia dell’Italia, della sua società contemporanea e delle sue contraddizioni. La selezione di film esplora i diversi generi narrativi  della cinematografia italiana riflettendo sulle idee di cittadinanza, identità culturale, gender e migrazione.

 

Il prestigioso LGBT Iris Prize Film Festival (7 – 11 ottobre)  darà inizio all’evento con un racconto di formazione (Più buio di mezzanotte) che tratta del controverso tema del gender nell’Italia contemporanea.

Come spiegare l’Italia ad un bambino sarà il tema della pluripremiata  pellicola Sarà un paese. Ci spostiamo poi dalla bellezza della poesia (Il giovane favoloso), e la cruda realtà della disillusione (Le cose belle), all’accorato racconto di migrazione (Io sto con la sposa). Vi è anche spazio per la commedia intorno allo sport più amato dagli italiani (L’arbitro)

L’Italian Film Festival Cardiff avrà luogo a Cineworld, Chapter Arts e Penarth Pier Pavilion.

Per  ulteriori informazioni consultare la nostra brochure qui

Italian Film Festival Cardiff 2015 from Paolo Viel on Vimeo.

Sabato 10 Ottobre
Più buio di mezzanotte (2014)

Regista: Sebastiano Riso
20.30pm Seguito da un incontro con il regista Sebastiano Riso
Italia/2014/98min/cert TBC
Sede: Cineworld

David scappa da un padre violento e da una mamma ‘cieca’ e si ritrova al parco di  Villa Bellini a Catania, dove intraprende un viaggio di formazione, divenendo parte di un gruppo di emarginati erranti. Riso ha detto del suo film: “Questo  è un film che dà  voce a tutti coloro che coraggiosamente lottano per riaffermare la loro identità non conforme.”

Seguiteci nell’incontro con Sebastiano Riso

Venerdì 16 Ottobre
L’arbitro ( 2013)

Regista: Paolo Zucca
5.30pm Seguito da un incontro con Paolo Zucca
Italia/2013/96min/cert TBC
Sede: Penarth Pier Pavilion

Atletico Pabarile è la peggiore squadra della terza divisione, sempre sconfitta dalla squadra , Montecrastu. Quando Matzutzi, tornato dall’Argentina viene  reclutato da Atletico Pabarile, la squadra improvvisamente inizia a vincere. Il film  interseca tre storie legate tra loro dalle due squadre di calcio. Paolo Zucca usa una varietà di generi cinematograifci per narrare una commedia sul calcio che è una metafora sulla vita.

Seguiteci nell’incontro con Paolo Zucca

 

Venerdì 16 Ottobre
Io sto con la sposa (On the bride sides, 2014)

Registi: Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry, Antonio Augugliaro
8:30pm Seguito da un incontro con il regista Gabriele Del Grande
Italia/2014/98min/cert TBC
Sede: Penarth Pier Pavilion

Un poeta palestinese e un giornalista italiano incontrano cinque Palestinesi e Siriani a Milano che sono riusciti a raggiungere l’isola italiana di Lampedusa dopo essere scappati dalla guerra in Siria. Decidono di aiutarli a completare il loro viaggio fino in Svezia, e cercano di evitare di farsi arrestare come trafficanti inscenando un matrimonio. Un folle atto di solidarietà con coloro che scappano dalla guerra in Siria e una dichiarazione per un’Europa senza confini.

Seguiteci nell’incontro con Gabriele Del Grande

Sabato 17 Ottobre
Sarà un paese (2014)

Regista: Nicola Campiotti
3.30pm
Italia/2014/77min/cert TBC
Sede: Chapter Arts Cardiff

Nicola, un uomo di trent’anni e suo fratello Elia di 10 anni, partono per un viaggio attraverso l’Italia in cerca di una nuova lingua per dare alle cose il loro nome e restaurare il significato delle parole. Nel loro vagabondare la strada diviene un sentiero di conoscenza e un’esplorazione dell’immaginario. Al confine tra documentario e finzione il film descrive le speranze di un paese che sarà.

Sabato 17 Ottobre
Il Giovane Favoloso (2014)

Regista: Mario Martone
5.30pm
Italia/2014/143min/cert TBC
Sede: Chapter Arts Cardiff

 

Questa è la storia della breve ma intensa e prolifica vita di Giacomo Leopardi,  da molti considerato il più grande poeta italiano dopo Dante. Nato a Recanati nel 1798, Leopardi ha espresso in modo sublime la sua profonda riflessione sulla condizione umana, la passione per i classici latini e greci e il suo amore platonico per Silvia.

Sabato 17 Ottobre
Le cose belle (2013)

Regista: Agostino Ferrente, Giovanni Piperno
8.30pm
Italia/2013/88min/cert TBC
Sede: Chapter Arts Cardiff

Nel 1999 Fabio, Enzo, Adele e Silvana furono intervistati, fornendo uno sguardo nel difficile compito di divenire adulti, con l’angoscia adolescenziale, l’ingenuità, il cinismo, la paura e il senso di umorismo, sognando ‘le cose belle’ che li aspettavano. Dieci anni dopo i registi sono tornati e, nei tre anni successivi, hanno osservato quali aspettative si fossero realizzate, quali fossero cambiate, nuotando qualche volta contro corrente e altre volte lasciandosi andare.

Seguiteci nell’incontro con la  produttrice Antonella Di Nocera e il regista Agostino Ferrente